giovedì 24 dicembre 2015

Auguri stellati per un sereno Natale (Viviana)

Abbiamo ricevuto queste Stelle di Natale da Viviana per gli auguri di Natale e Anno Nuovo da fare alla Cuochina ed a tutti gli amici Cuochini del mondo.
Grazie mille Viviana :)

Per "Quanti modi di fare e rifare la stella di Natale" ecco la mia versione salata, e quella dolce :-)
Avendo una delle mie 2 "tineger" filo vegana ho fatto un impasto senza proteine animali, ma ognuno si senta libero di modificarlo a piacere. Anche il ripieno ha una parte a lei riservata...cosa non si fa per i figli!!! Di sicuro trovare ricette adatte a lei è molto stimolante, ma a volte mi sembra di impazzire per trovare un piatto che metta tutti d'accordo. Non vi dico in che acque profonde sto navigando per trovare delle ricette adatte a tutti in vista del Natale!!! AIUTOOOOO... ;-)
Buone Feste a tutte/i carissime/i Cuochine/i nel mondo!!!
Viviana

STELLA DI NATALE SALATA
INGREDIENTI
300 g farina 0
200 g farina di semola rimacinata
150 g di licoli
250 g di latte di riso o soia/vaccino...
40 g di olio EVO
3 g di lecitina di soia sciolto in 50 g di latte di riso (preso dal totale) oppure 1 uovo
1 cucchiaino di malto d'orzo
1 cucchiaino raso di sale
Per il ripieno
concentrato di pomodoro
paté di olive
mozzarella (io ho usato quella in blocco perché meno acquosa...però anche meno buona)
origano
zucchine


PROCEDIMENTO
Per prima cosa ho fatto sciogliere la lecitina nel latte di riso appena tiepido, 15 minuti, dopodiché ho iniziato il mio impasto: ho versato nella planetaria questo preparato, il restante latte, il cucchiaino di malto ed il licoli ed ho miscelato bene con il gancio a foglia. Ho aggiunto poi gradualmente le farine ben miscelate tra di loro fino a quando l'impasto ha iniziato a legare, quindi sono passata al gancio per impasto. Quando tutta la farina è stata aggiunta e l'impasto ha cominciato ad incordarsi ho unito il sale ed infine, poco alla volta, l'olio. Per chi non ha la planetaria consiglio di aggiungere l'olio all'inizio con il latte perché altrimenti è difficilissimo da incorporare.
Ho lasciato impastare fino ad avere un bell'impasto liscio e morbido, diciamo come il lobo dell'orecchio, ma non troppo perché diventerà un problema formare la nostra stella. Finita questa lavorazione l'ho fatto riposare 10 minuti e quindi rovesciato sul piano, fatte un paio di pieghe a libro, formato a palla e messo a lievitare in una ciotola leggermente unta e coperta con pellicola. L'ho lasciato a temperatura ambiente tutta la notte visto che di notte ho il riscaldamento spento e la temperatura scende a circa 17° C.
Il mattino dopo ho preso il mio impasto ben lievitato, formato velocemente a salsicciotto e diviso in 5 palline, 
1 da 100 g e le altre 4 da circa 200 g (quello che rimane diviso 4). le ho lasciate altri 20 minuti a rilassarsi e poi ho formato 4 dischi del diametro di 25 cm ed un rettangolo, con la pallina da 100 g.
Essendo mia figlia filo-vegana ho lasciato una parte dei dischi senza formaggio.
Ho steso su 2 strati il concentrato di pomodoro che prima avevo mescolato con origano e su di uno strato il paté di olive, mentre sul rettangolo ho steso delle zucchine che avevo precedentemente grattugiato grossolanamente e passato in padella con un filo di olio per insaporirle e ammorbidirle un po'.  
Ho suddiviso i dischi in 8 parti, ma senza arrivare in fondo, mi sono fermata a 2 cm dal bordo tranne per 2 punte che ho staccato dal gruppo. Ho fatto anche un'altra incisione all'interno dei triangoli ottenuti sempre lasciando circa 2 cm dai bordi.
Ho quindi avvicinato i triangoli per chiudere il cerchio, girato le punte verso l'esterno e passate da sotto all'interno della fessura creata. Così ho fatto anche con i 2 triangoli che ho tenuto da parte, mentre il rettangolo di zucchine l'ho arrotolato dal lato lungo e tagliato a rondelle di circa 3/4 cm.
 

Dopo aver formato la stella, come da foto, e posizionato i rotoli al centro ho rimesso a lievitare per circa 6 ore (forse basta anche meno ma io mi sono dovuta assentare) e cotto a 180° per circa 40 minuti spennellando appena prima di spegnere il forno con latte di riso.

*********************************


STELLA DI NATALE DOLCE

INGREDIENTI
400 g farina 1 macinata a pietra
100 g farina di riso
150 g di licoli
280 g di latte vaccino
75 g di zucchero
50 g di burro morbido
1 cucchiaino di miele
1 cucchiaino raso di sale
buccia di limone lasciata in infusione nel latte
Per il ripieno
90 g di burro morbido NON sciolto
3 cucchiai di zucchero di canna (o di più, a piacere)
vaniglia in polvere (facoltativa)
cannella a piacere
altro ripieno, a scelta
confettura di prugne
nocciole/noci frullate

PROCEDIMENTO
Per prima cosa ho portato il latte quasi a bollore con all'interno qualche pezzo di buccia di limone, lasciato raffreddare e poi iniziato il mio impasto: versato nella planetaria il latte filtrato dalle bucce, il cucchiaino di miele ed il licoli ed ho miscelato bene con il gancio a foglia. Ho aggiunto poi gradualmente le farine ben miscelate tra di loro fino a quando l'impasto ha iniziato a legare, quindi sono passata al gancio per impasto. Quando tutta la farina è stata aggiunta e l'impasto ha cominciato ad incordarsi ho unito il sale ed infine, poco alla volta, il burro morbido a pezzetti. Per chi non ha la planetaria consiglio di aggiungere il burro all'inizio con il latte perché altrimenti è difficilissimo da incorporare.
Ho lasciato impastare fino ad avere un bell'impasto liscio e morbido, diciamo come il lobo dell'orecchio, ma non troppo perché diventerà un problema formare la nostra stella. Finita questa lavorazione l'ho fatto riposare 10 minuti e quindi rovesciato sul piano, fatte un paio di pieghe a libro, formato a palla e messo a lievitare in una ciotola leggermente unta e coperta con pellicola. L'ho lasciato a temperatura ambiente tutta la notte visto che di notte ho il riscaldamento spento e la temperatura scende a circa 17° C.
Il mattino dopo ho preso il mio impasto ben lievitato, formato velocemente a salsicciotto e diviso in 4 palline,
le ho lasciate altri 20 minuti a rilassarsi e poi ho formato 4 dischi del diametro di 30 cm circa.
Ho steso tra 1 disco e l'altro il burro mescolato precedentemente con lo zucchero e la cannella, l'ho steso su 3/4 dell'impasto mentre su di 1/4 ho steso la confettura di prugne mescolate con le nocciole/noci (necessarie affinché non diventi troppo scivoloso e difficile da formare).
Ho suddiviso i dischi in 8 parti, ma senza arrivare in fondo, mi sono fermata a 2 cm dal bordo tranne per 2 punte che ho staccato dal gruppo. Ho fatto anche un'altra incisione all'interno dei triangoli ottenuti sempre lasciando circa 2 cm dai bordi. Ho quindi avvicinato i triangoli per chiudere il cerchio, girato le punte verso l'esterno e passate da sotto all'interno della fessura creata. Così ho fatto anche con i 2 triangoli che ho poi appoggiato sopra la stella ottenuta.
Dopo aver formato la stella l'ho rimessa a lievitare per circa 6 ore e cotta a 180° per circa 40 minuti spennellando appena prima di spegnere il forno con latte. A mio marito piace di più la versione burro, zucchero e cannella, a me senza dubbio quella con la confettura di prugne e le nocciole. A voi la scelta!!!!


Altri post interessanti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...